Cinema: Grace di Monaco

This post has already been read 1047 times!

Grace di Monaco film

Una strepitosa Nicole Kidman interpreta la Principessa Grace di Monaco nel film omonimo di Olivier Dahan.

Il film racconta gli anni Sessanta di Grace Kelly e del suo Principato, di cui divenne principessa nel 1956. Gli anni Sessanta della Principessa Grace sono quelli che la portano ad affrontare una profonda crisi coniugale e di identità, dalla quale uscirà rinunciando alla sua carriera di attrice, prediletta da Hitchcock, per dedicarsi alla risoluzione dei problemi che avvolgono il suo principato. Gli anni Sessanta videro il Principato di Monaco in grave crisi politica con la Francia, De Gaulle stava mettendo in seria difficoltà la sopravvivenza di Monaco quale Principato dei Grimaldi. Il film sottolinea quanto sia stata importante l’azione di Grace, il suo fascino, la sua diplomazia, nel far rientrare la minaccia d’embargo.

Il Palazzo Reale di Genova e la sua famosa Galleria degli Specchi sono diventati, durante le riprese del film, il Palazzo dei Principi di Monaco. Le riprese del film, oltre a Genova, sono state girate anche a Parigi, Mentone, Monaco, Ventimiglia e, anche, in Grecia.

Il film racconta solo quella parte della vita di Grace di Monaco, è ben fatto ed ottimamente interpretato dall’attrice australiana Nicole Kidman. Il film è stato tuttavia aspramente criticato dagli eredi dalla famiglia del Principe Ranieri III di Monaco, i figli di Grace, che hanno ribadito di non volere “in alcun modo essere associati a questo film che non riflette minimamente la realtà e si rammarica che la sua storia sia oggetto di una distorsione dei fatti per fini puramente commerciali“. Il film ha aperto il festival di Cannes 2014, fuori concorso, ma la famiglia Ranieri, di solito presente alla cerimonia d’apertura, questa volta non ha partecipato.

Grace Kelly morì in un incidente stradale nel 1982, finendo in una scarpata, insieme con la figlia Stephanie, la quale riportò gravi ferite, ma si salvò.

Cinzia Malaguti

 

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF