Viaggiare: Capodanno a New York

This post has already been read 1301 times!

New York, Manhattan con Twin Towers prima dell'11 settembre 2001

New York, Manhattan con Twin Towers prima dell’11 settembre 2001

Mi sono accorta di non aver scritto ancora nulla del mio bellissimo viaggio a New York! Rimedio subito!

Ho visitato New York prima dell’attentato alle Torri Gemelle, quindi lo skyline che ho potuto ammirare era in tutta la sua bellezza. New York, skyline con Torri GemelleNew York, skyline con Torri GemelleNew York, skyline con Torri Gemelle

New York, skyline con Torri Gemelle, prima dell'attentato dell'11 settembre 2001

New York, skyline con Torri Gemelle, prima dell’attentato dell’11 settembre 2001

 

Ho visitato New York d’inverno, durante le feste di fine anno e, devo dire, pur non avendo trovato neve, c’era molto freddo, ma il freddo si può combattere facilmente a New York, basta rifugiarsi in uno dei tanti e accoglienti bar per riscaldarsi un po’ tra una visita e l’altra, tra una passeggiata e l’altra.

I festeggiamenti per il nuovo anno in piazza a Times Square non sono molto diversi da qualsiasi festeggiamento nella piazza di una grande città, con musica, balli, brindisi ed effetti speciali, ma è l’atmosfera newyorkese a dare quel qualcosa in più d’indimenticabile.

New York è una città che mette allegria ed offre molte attrattive, anche solo passeggiare per New York e visitare i suoi quartieri, ognuno con la sua “personalità” compreso Little Italy, è gradevole ed indimenticabile.

Ci sono però dei luoghi che lasciano il segno più di altri e sono la Statua della Libertà, il Museo Mo.Ma, il Ponte di Brooklyn, l’Empire State Building ed il World Trade Center.

 

New York, le Torri Gemelle prima dell'attentato dell'11 settembre 2001

New York, le Torri Gemelle prima dell’attentato dell’11 settembre 2001

World Trade Center. Io ho avuto la fortuna di visitare New York quando le Torri Gemelle disegnavano il profilo panoramico di Manhattan e vi si poteva salire in cima per vedere la città dall’alto. L’11 settembre del 2001, due anni e mezzo dopo la mia visita a New York, un commando terroristico scagliò due aerei contro le Torri Gemelle del World Trade Center, distruggendole ed uccidendo quasi 2800 persone. Oggi, nel luogo che fu delle Torri Gemelle, si trova il 9/11 Memorial, un museo ed un parco alberato dove ci sono due grandi vasche quadrate nel punto in cui si trovavano le Torri Gemelle.

Il Ponte di Brooklyn è una vera star cinematografica essendo comparso in diversi film, grazie alle sue torri ad arco e ai suoi possenti cavi d’acciaio. La realizzazione fu segnata da una serie di disgrazie, tra cui la morte di 27 operai; oggi potrete apprezzare i loro sforzi e la lungimiranza dell’architetto progettista, John Roebling, che seppe riconoscere, con grande anticipo sui tempo, la necessità di inserire un ponte con un percorso pedonale in una città affollata come New York.

L’Empire State Building è un favoloso grattacielo art déco ed un luogo irresistibile per i cineasti, visto che è apparso in oltre 100 lungometraggi: in commedie e film d’autore, pellicole romantiche e d’azione. Il cinema ha consacrato l’Empire State Building quale simbolo della città e tutti lo ricordiamo nella scena madre di King Kong, in film di Woody Allen, quali Io e Annie e Manhattan, nel film di Martin Scorsese, New York New York. L’Empire State Building ha ben 1576 gradini ed 86 piani. Imperdibile la vista dall’alto della città.

New York, Mo.ma Museum of Modern Art, interno

New York, Mo.ma Museum of Modern Art, interno

 

"La persistenza della memoria" di Salvador Dalì al Mo.ma di New York

“La persistenza della memoria” di Salvador Dalì al Mo.ma di New York

 

Il Mo.Ma (Museum of Modern Art) non è un Museo d’Arte Moderna, è il Museo d’Arte Moderna, originale e moderno nella sua architettura interna a chiocciola e prezioso per i numerosi capolavori custoditi. Fondato nel 1929 è stato il primo museo esclusivamente dedicato all’arte moderna. La collezione del Mo.Ma offre una rassegna inimitabile dell’arte moderna e contemporanea. Tra i diversi capolavori del Mo.Ma, merita una nota particolare un dipinto strepitoso di Salvador Dalì, La persistenza della memoria: fu realizzato nel 1931 ed è un capolavoro del surrealismo; vi compaiono orologi molli che colano nel paesaggio della terra natia, la Catalogna, un tema ricorrente che rimandava al concetto di relatività del tempo della teoria di Einstein, contrapposto a quello di fissità; un dipinto veramente notevole.

New York, la Statua della Libertà

New York, la Statua della Libertà

La Statua della Libertà è un altro dei simboli di New York, le sue dimensioni sono davvero notevoli ed è emozionante vederla da vicino, soprattutto per ciò che rappresenta, l’ideale della libertà. La Statua della Libertà si trova al centro della baia di Manhattan, sulla rocciosa Liberty Island, che si raggiunge con un apposito traghetto. La statua è costituita da una struttura reticolare interna in acciaio, rivestita da 300 fogli di rame sagomati e rivettati insieme, che poggia su un supporto granitico grigio-rosa.

Detto questo, rimangono un paio di curiosità, insomma luoghi originali, particolari, da vedere se vi rimane tempo: la Grand Central Station e l’Ed Sullivan Theater.

La Grand Central Station è la più grande stazione ferroviaria al mondo per numero di binari (44) e metà della gente che vaga per il suo atrio maestoso non ha alcuna intenzione di salire su un treno. L’edificio, restaurato nel 1998, è una destinazione turistica a sé: l’interno è in stile Beaux-Arts, decorato con ricchi lampadari, grandiose scalinate, un orologio in marmo e ottone e un soffitto astronomico su cui sono dipinte le principali costellazioni. Devo però aggiungere che la stazione metropolitana Komsomolskaya di Mosca è molto, molto più suggestiva e … ricca.

L’Ed Sullivan Theater è un teatro caro a molte celebrità; si trova nel quartiere di Broadway ed ha visto sfilare sul palco artisti quali Elvis Presley, i Beatles, i Rolling Stones. In tempi più recenti, l’altrettanto noto Late Show David Letterman ha portato qui il gotha di Hollywood oltre a stelle dello sport e leader politici di tutto il mondo; tra i tanti nomi Johnny Depp, Matt Damon, Rihanna. Il teatro è al n. 1697 di Broadway, tra la 53° e la 54° Ovest, la fermata della metropolitana è 7th Avenue.

Che altro dirvi … se andate a New York d’inverno, armatevi contro il freddo … guanti, sciarpe, scarponi imbottiti, maglioni sovrapposti, sì sovrapposti, così quando entrate in un bar o in un altro locale riscaldato, potete … “sbucciarvi”.

… e ora ecco il mio video, la risoluzione delle immagini non è granch’è, ma il film fu fatto in vhs ed ora convertito in formato digitale.

Ah, dimenticavo, non perdetevi i cheesecake americani: solo loro li sanno fare così buoni!

Buona vacanza!

Cinzia Malaguti

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF