Economia: l’effetto Veblen e le diseguaglianze

This post has already been read 5349 times!

Gli economisti parlano di “effetto Veblen” per indicare la propensione a scegliere i beni di consumo sulla base del loro valore sociale anziché del loro valore d’uso.

Thorstein Veblen, economista e sociologo statunitense morto nel 1929, introdusse il concetto di “consumo vistoso” ed evidenziando l’importanza dell’”emulazione finanziaria” e del “confronto antagonistico”.

Nel suo saggio La teoria della classa agiata, Veblen afferma “Il solo mezzo attuabile per convincere freddi osservatori della nostra vita quotidiana che siamo potenti è lo sfoggio instancabile della nostra capacità di spendere”.

La ricerca conferma che la tendenza a prediligere i beni che conferiscono status e prestigio è decisamente più forte per gli articoli molto vistosi.

Nelle società meno inclini all’uguaglianza, cioè dove è più alto il differenziale dei redditi, lo status assume una grande importanza e chi è nelle posizioni più in basso cerca in ogni modo di non apparire pezzente o inadeguato (emulazione finanziaria e confronto antagonistico), spesso indebitandosi, o lavorando molte più ore, per stare al passo con chi sta sopra la gerarchia della sua società.

La pubblicità non fa altro che amplificare e sfruttare le nostre insicurezze di valutazione sociale, presentandoci i prodotti come produttori di benessere e successo.

Nelle società dove è più alta la sperequazione dei redditi  l’effetto Veblen è maggiore.

Cinzia Malaguti

Leggi anche

Attenuare le disparità economiche per costruire una società migliore

A sostegno di una società più cooperativa e solidale

 

 

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF