Come funziona il cervello

This post has already been read 1369 times!

cervello

Per capire meglio come funziona il cervello possiamo dividerlo in quattro regioni, ognuna con caratteristiche specifiche, anche se interconnesse le une alle altre: il tronco encefalico le aree limbiche, la corteccia cerebrale e la corteccia prefrontale.

Il tronco encefalico. Il tronco encefalico è la parte del cervello più antica nell’evoluzione della specie umana, detta anche “cervello rettiliano”; esso regola i processi di base come il funzionamento del cuore e dei polmoni ed ha un ruolo essenziale nella salvaguardia della sopravvivenza.

Le aree limbiche. Le aree limbiche sono il regno delle emozioni; sono le aree che ci accomunano a tutti gli altri mammiferi ed è attraverso di esse che possiamo interagire con un cane o un gatto, ad esempio; ad esse sono assegnate le funzioni di valutazione delle situazioni ed emotive; “si tratta di qualcosa di positivo o di negativo?” è la domanda di base cui le aree limbiche cercano di dare una risposta; l’area limbica svolge anche un ruolo cruciale nel modo in cui stringiamo relazioni con gli altri e formiamo legami affettivi. Costituiscono le aree limbiche l’ipotalamo, l’ippocampo e l’amigdala. L’ipotalamo è un essenziale centro di controllo endocrino che influenza, attraverso l’attività della ghiandola pituitaria, in particolare gli organi sessuali, la tiroide ed il surrene. La stimolazione del surrene è particolarmente importante in condizioni di stress: esso è indotto a rilasciare cortisolo che mobilita energie mettendo in stato d’allerta l’intero nostro metabolismo, allo scopo di permetterci di affrontare la sfida; la risposta è altamente adattiva se lo stress è di breve durata, ma può rivelarsi problematica in caso di stress cronico. L’amigdala, a forma di mandorla, è risultata essere particolarmente importante nelle risposte di paura, ma può suggerire risposte istantanee funzionali alla sopravvivenza, anche al di fuori della coscienza. L’ippocampo, a forma di cavalluccio marino, è come “l’assemblatore dei pezzi di un puzzle” mettendo in connessione aree decisamente separate del cervello, dalle nostre regioni percettive, ai magazzini di fatti e ai centri del linguaggio.

La corteccia cerebrale. La corteccia cerebrale è lo strato più esterno, la “scorza” del cervello; nell’evoluzione della specie, essa ha subito una grande espansione a partire dalla comparsa dei primati, sviluppandosi in modo particolare negli esseri umani. La porzione frontale della corteccia permette di disporre di idee e concetti, mentre la porzione posteriore è il maestro mappatore della nostra esperienza nel mondo fisico e si occupa delle funzioni percettive adattive, in sinergia con i cinque sensi.

La corteccia prefrontale. La corteccia prefrontale si è evoluta sino a questo livello solo negli esseri umani e si trova esattamente dietro la fronte. In questo regno prefrontale creiamo rappresentazioni di concetti quali il tempo, il senso di sé ed i giudizi morali.   La corteccia prefrontale mediale svolge importanti funzioni regolatorie che spaziano dal modulare processi corporei, supervisionando l’attività del tronco encefalico, fino a permetterci di fermarci prima di agire, di sperimentare insight ed empatia e di elaborare giudizi morali; in altre parole, la corteccia prefrontale, posta direttamente sopra le aree limbiche e tronco encefalico, ne è collegamento e filtro dei segnali nervosi provenienti dall’interno e dall’esterno. Quando “perdiamo la testa”, la corteccia prefrontale mediale è messa fuori gioco da un eccesso di energia accumulata nelle aree limbiche che la corteccia non riesce temporaneamente a regolare, a causa di ciò il cervello perde equilibrio e coordinazione; ci sono esercizi di consapevolezza, attenzione e riflessione (mindsight, ve ne parlerò in uno dei miei prossimi articoli) che permettono di riconoscere e bypassare questa tempesta sottocorticale, questo vulcano limbico, impedendo così agli impulsi di attivare comportamenti automatici, spesso dannosi, comunque non razionali o non saggi.

E’ necessario, comunque, ricordare che, a prescindere da quanti sforzi possiamo fare o da quante capacità razionali possiamo avere, non siamo altro che esseri umani e le nostre menti saranno sempre piene di vulnerabilità e punti deboli.

Cinzia Malaguti

 

Bibliografia:

Daniel J. Siegel, Mindsight, la nuova scienza della trasformazione personale, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2011

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF