Viaggiare: Andalusia e le meraviglie dell’entroterra

This post has already been read 952 times!

 

Andalusia è l’anima un po’ araba della Spagna, siamo nel sud della Spagna, tra le bellezze storiche ed architettoniche di Granada e Siviglia, quelle naturalistiche di Ronda ed una frequentata costa sabbiosa.

L’Alhambra e il Generalife sono i simboli di Granada e Patrimonio dell’Umanità protetto dall’UNESCO, sono complessi storico-architettonici risalenti al quattordicesimo secolo, ai tempi della dominazione araba; i due siti si trovano vicini, ma il Generalife è in posizione più elevata, panoramica sul famoso forte dell’Alhambra.

Il Generalife era un palazzo d’estate, un luogo in cui gli emiri si ritiravano alla ricerca di relax e svago; i suoi giardini sono un angolo di tranquillità e pace in cui file di fontane dalle linee curve fanno gocciolare l’acqua in vasche oblunghe e giù dalle scalinate; la cura e la bellezza di questi giochi d’acqua sono parte della cultura islamica, in cui la purezza dell’acqua era un simbolo del Paradiso. La prospettiva dall’alto è incorniciata da cipressi, siepi, giardini fioriti e cascate di rampicanti; dalla terrazza ricoperta di edera si può osservare la vallata.

Per la vostra visita a Granada consultate il sito del Turismo de Granada.

Merita una visita la cittadina di Ronda perché conserva la sua antica struttura araba ed è situata su un pianoro a strapiombo, impressionante.

Le spiagge dell’Andalusia sono molto simili a quelle della riviera romagnola, lunghe distese di sabbia e, allo stesso modo, molto frequentate da bagnanti, ombrelloni e file di alberghi.

L’Andalusia è bella per la sua ricchezza storica, architettonica e paesaggistica dell’entroterra, principalmente Granada, Siviglia, Ronda.

Cinzia Malaguti

 

 

 

 

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF