Broccoli: “armi da fuoco” contro le cellule tumorali

This post has already been read 923 times!

 

broccoli

Perché i broccoli sono grandi amici della nostra salute

Ciò che fa dei broccoli un alimento naturale spettacolare, grande amico della nostra salute, è la presenza di particolari sostanze: i glucosinolati.

I glucosinolati sono sostanze naturali contenenti zolfo, di cui una serie di studi ha dimostrato gli effetti antitumorali. Durante i processi digestivi, la loro degradazione enzimatica dà origine agli isotiocianati, i principi attivi antitumorali. In occasione di studi compiuti su alcune linee di cellule tumorali (per es., quelle dell’intestino crasso, della prostata, dello stomaco, del fegato, dei polmoni e del cervello), si è infatti dimostrato che il sulforafano, uno degli isotiocianati, favorisce la morte delle cellule tumorali.

Il sulforafano agisce sui processi infiammatori, alla base dello sviluppo canceroso, spegnendo, per così dire, i “focolai d’incendio”.

Possibilità d’impiego pratico

I broccoli possono essere consumati sia crudi, sia cotti al vapore. Il consumo dell’ortaggio crudo è raccomandabile, poiché i preziosi glucosinolati sono sensibili al calore. Il contenuto di questi fitocostituenti biologicamente attivi può ridursi con il calore del 40-60%. Consumate tranquillamente le sue cimette crude perché sono digeribilissime.

E’ raccomandabile la combinazione di broccoli e vitamina C, poiché questa sostanza vitale contribuisce alla trasformazione dei glucosinolati in principio attivo; vi basta, allo scopo, aggiungere qualche goccia di limone alla vostra insalata con broccoli.

Raccomandazioni

Ricordatevi, comunque e sempre, che i benefici dei principi nutritivi dei vegetali sono legati alla varietà ed alla sinergia dei vari nutrienti; in altri termini, non basta assumere broccoli per confidare di tenere sotto controllo i tumori, occorre mangiare anche le altre verdure, man mano che vengono di stagione, solo così le varie vitamine ed enzimi si combinato ed attivano sinergicamente.

Cinzia Malaguti 

 

 

 

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF